5 . ottobre      -     11 . novembre 2007
Ritrattiluce - Luce di Ritratti [Vincenzo De Simone]
vincenzo de simone
pieve di cento - reggio emilia
Vincenzo De Simone - il periodo liceale Vincenzo De Simone - gli anni 60 Vincenzo De Simone - gli anni 70 Vincenzo De Simone - gli anni 80 Vincenzo De Simone - il ciclo Scondum Lumen Vincenzo De Simone - il ciclo Scondum Lumen


Vincenzo De Simone (Roccarainola Napoli 1939)

Seguiti gli studi artistici a Napoli, nel 1964 si trasferisce a Bormio.
Nel 1974 Espone con Lucio Fontana alla Galleria StudiA di Milano le sue opere di "Pittura/a-pittura" nelle quali già si delinea la sua tendenza ad uscire dal quadro mostrata più esplicitamente dall'esperienza del "teatro contadino" avviata nello stesso anno, tornato a Roccarainola, coinvolgendo alunni e genitori della scuola media di Cicciano,presso Napoli.
Comincia così la sua ricerca sul recupero dei valori originari, sociali ed antropologici della sua terra,ed insieme universali, di una civiltà contadina già allora a margine del progresso.
Partecipa alla Biennale di Venezia del1976 (padiglione Italiano e Svizzero)
Strumenti contadini come i "Nodi" entrano fisicamente nel quadro tra il 1977 ed il 1979.
Sono degli anni ottanta i cicli visionari di opere pittoriche o gessetti di carattere narrativo pullulanti di figure d'ispirazione greco-italica e medioevale.
Nel 1988 espone al Kunstmuseum di Berna l'installazione " Bauern, Heilige und Teufel".
Nel 1998 antologia a Marigliano dal titolo "ideologia del sociale".
Nel 2003 espone al Museo Magi900 "Le vie del bianco". S'intendono "Le vie del bianco" nelle sue opere. Comprendono un'arco di tempo di 40 anni.
Nelle opere più recenti la ripresa della "pittura/a-pittura "; Il ciclo " Secundum lumen è una galleria di ritratti di uomini illustri, di amici e di gente comune.
Dell'attuale ciclo " Secundum lumen", De Simone testimonia: " La pittura in quanto tale non m'interessa più. Io miro ad un accadimento in campo; cerco una strada diversa, il riflesso di una vita interiore. La pittura è e si ferma in superficie, io cerco di andare oltre".

Vincenzo De Simone al lavoro nel suo studio